Santuario di Romituzzo

 

IL VANGELO DELLA VENTINOVESIMA DOMENICA
DEL TEMPO ORDINARIO



« Pregate sempre, senza stancarvi ».


Dal vangelo secondo Luca. 18, 1-8

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai: «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”. Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».
E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».


Parola del Signore.


« Chiedete e vi sarà dato; bussate e vi sarà aperto ».

Gesù vuole assicurare ai suoi discepoli che il Padre suo, che è anche nostro Padre, ascolta il grido e la preghiera dei suoi figli; egli è sempre ben disposto, non nasconde il suo volto nel momento dell’angoscia e il suo orecchio è sempre teso quando noi lo invochiamo.
Dio non si stanca di ascoltare ma siamo noi che forse ci stanchiamo di pregare, per questo Gesù insiste “sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi”. Noi non crediamo nell’efficacia della preghiera perché non crediamo abbastanza nell’amore di Dio e così preghiamo poco e preghiamo male. “Chi tra di voi al figlio che gli chiede un pane darà una pietra? O se gli chiede un pesce, darà una serpe? Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano! ”. E’ con queste parole che Gesù ci rassicura del grande amore che Dio ha per noi, bussiamo dunque senza stancarci perché il cuore del Padre è attento alla nostra preghiera.

PREGHIAMO

O Dio che per le mani alzate del tuo servo Mosè
hai dato la vittoria al tuo popolo,
guarda la tua Chiesa raccolta in preghiera;
fa’ che il nuovo Israele cresca nel servizio del bene
e vinca il male che minaccia il mondo,
nell’attesa dell’ora in cui farai giustizia ai tuoi eletti,
che gridano giorno e notte verso do te.
Per il nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio che è Dio
e vive e regna con te nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli. Amen.


 

<< Pagina Iniziale
Il Santuario La Storia Le Immagini Il Giornalino Le Attivita' Torna alla pagina iniziale del sito E-mail: info@romituzzo.it Il materiale pubblicato e' coperto da copyright. In costruzione
Sito internet realizzato da TNX sas
Torna alla Home Page