Santuario di Romituzzo

  IL VANGELO DELLA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA.

« Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo ».

Dal vangelo secondo Matteo. 4, 1-11


In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame. Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: «Se sei Figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”». Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio e gli disse: «Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo, ed essi ti sorreggeranno con le loro mani, perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non tentare il Signore Dio tuo” ». Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai». Ma Gesù gli rispose: «Vattene, satana! Sta scritto: “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto”». Allora il diavolo lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano.

Parola del Signore.

« Non di solo pane vivrà l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio ».


All’inizio della Quaresima, Gesù si presenta al mondo come il Dio che salva, colui che adempie ogni giustizia, l’unico capace di fare la volontà del Padre perché conosce la sua parola e sa che la parola è un avvenimento salvifico.
Il deserto è il campo di battaglia dove la potenza di Dio e quella di satana si scontrano in un duello all’ultimo sangue. Il Signore della vita affronta il Principe delle tenebre perché con una vittoria definitiva sia vinto ogni male e il suo dominio sia incontrastato.
I figli di Dio, oggi e in tutta la quaresima, invocano con fiducia il Padre che è nei cieli, pregando con Gesù : “ Non ci indurre in tentazione e liberaci dal maligno”.


PREGHIAMO

O Dio, che conosci la fragilità
della natura umana ferita dal peccato,
concedi al tuo popolo di intraprendere
con la forza della tua parola il cammino quaresimale,
per vincere le seduzioni del maligno
e giungere alla Pasqua nella gioia dello Spirito.
Per Cristo nostro signore. Amen.



 

<< Pagina Iniziale
Il Santuario La Storia Le Immagini Il Giornalino Le Attivita' Torna alla pagina iniziale del sito E-mail: info@romituzzo.it Il materiale pubblicato e' coperto da copyright. In costruzione
Sito internet realizzato da TNX sas
Torna alla Home Page