Santuario di Romituzzo

  IL VANGELO DELLA VENTUNESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO.

« Voi chi dite che io sia? ».


Dal vangelo secondo Matteo. 16, 13-20

In qssendo giunto Gesù nella regione di Cesarèa di Filippo, chiese ai suoi discepoli: «La gente chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti». Disse loro: «Voi chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù: «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l' hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

Parola del Signore.


« Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente ».

RIFLESSIONE

Pietro riconosce in Gesù il Messia e il Figlio di Dio, Gesù gli conferma che la sua confessione non vengono dalla carne o il sangue, cioè non è frutto di calcoli umani o di considerazioni dell’uomo fragile e impotente di fronte al mistero di Dio, ma è dono del Padre. E’ proprio per questo atto di fede, libero e coraggioso, che il pescatore Simone diventa “roccia” sulla quale Gesù, Pietra angolare invisibile, edifica la sua Chiesa visibile, non perfetta, ma dal volto umano come quello di Pietro. Gesù accompagna la Missione di Pietro e conoscendo la sua fragilità gli assicura: “ Io ha pregato per te, perché non venga meno la tua fede; e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli”. (Lc 22,32)

PREGHIAMO

O Padre, fonte di ogni sapienza,
che nell’umile testimonianza dell’ apostolo Pietro
hai posto il fondamento della nostra fede,
dona a tutti gli uomini la luce del tuo Spirito,
perché riconoscendo in Gesù di Nazareht il Figlio del Dio vivente,
diventino pietre vive per l’edificazione della tua Chiesa.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.





 

<< Pagina Iniziale
Il Santuario La Storia Le Immagini Il Giornalino Le Attivita' Torna alla pagina iniziale del sito E-mail: info@romituzzo.it Il materiale pubblicato e' coperto da copyright. In costruzione
Sito internet realizzato da TNX sas
Torna alla Home Page