Santuario di Romituzzo

 
IL VANGELO DELLA VENTISETTESIMA DOMENICA
DEL TEMPO ORDINARIO


« Aumenta la nostra fede! ».


Dal vangelo secondo Luca. 17, 5-10

In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “ Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.
Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “ Prepara da mangiare, stringiti le vesti ai fianchi e servimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».


Parola del Signore.
« Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare ».

RIFLESSIONE.

“ Fino a quando, Signore, implorerò e non ascolti,
a te alzerò il grido: «Violenza!» e non soccorri?
Perché mi fai vedere l'iniquità
e resti spettatore dell'oppressione?
Ho davanti rapina e violenza
e ci sono liti e si muovono contese”.
Spesso pensiamo che Dio sia solo spettatore passivo di fronte a ciò che accadde e che non abbia a cuore il nostro destino; per di più a noi sembra non meritare tutto il male che ci circonda anzi, siccome lo abbiamo servito sempre, pretendiamo di condizionarlo ed allora la nostra fede vacilla o addirittura crolla. Gesù dice ai suoi discepoli che la fede nasce dal leggere e ad interpretare la storia; per fede si deve intendere non la pratica religiosa ma la relazione d’amore, amore parte da Dio che ci ha scelti come figli, dei quali vuole sempre il bene più grande.

PREGHIAMO

O Dio, fonte di ogni bene,
che esaudisci le preghiere del tuo popolo
al di là di ogni desiderio e di ogni merito,
effondi su di noi la tua misericordia:
perdona ciò che la coscienza teme
e aggiungi ciò che la preghiera non osa sperare.
Per il nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio che è Dio
e vive e regna con te nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli. Amen.



 

<< Pagina Iniziale
Il Santuario La Storia Le Immagini Il Giornalino Le Attivita' Torna alla pagina iniziale del sito E-mail: info@romituzzo.it Il materiale pubblicato e' coperto da copyright. In costruzione
Sito internet realizzato da TNX sas
Torna alla Home Page