Santuario di Romituzzo

 
IL VANGELO DELLA SEDICESIMA DOMENICA
DEL TEMPO ORDINARIO


« Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose ».

Dal vangelo Luca 10, 38- 42

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Parola del Signore.

« Maria si è scelta la parte migliore ».

RIFLESSIONE.

“ E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi vedemmo la sua gloria ”. (Gv 1,14)
Così, Giovanni annuncia l’intenzione di Dio di farsi pellegrino, viandante che chiede ospitalità per rivelare a chi l’accoglie il suo mistero e renderlo partecipe della sua eredità
Nel ritmo frenetico del vivere quotidiano ci accorgiamo che sono sempre tante le cose da fare e mai riusciamo a realizzare i nostri progetti: corriamo, ci affanniamo e ci agitiamo preoccupandoci di molte cose. Il fare, l’agire non è sostenuto dal pensare, per dare il senso pieno ad ogni nostra azione. Oggi l’uomo non ha più tempo per ascoltarsi e per ascoltare; non ha tempo per contemplare, vedere ed interiorizzare: viviamo di corsa senza sapere dove corriamo. Gesù ci invita a una sosta per essere rinfrancati, ristorati. Ancora oggi vuole che noi lo accogliamo come ospite nell’intimo del cuore, è lì che vuole abitare per dare senso pieno al nostro vivere. “A quanti però l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome”. (Gv 1,12) Scegliamo dunque la parte migliore: questa non ci sarà mai tolta.

PREGHIAMO

Padre sapiente e misericordioso,
donaci un cuore mite per ascoltare la parola del tuo Figlio
che risuona ancora nella Chiesa, radunata nel suo nome,
e per accoglierlo e servirlo come ospite nella persona dei nostri fratelli.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio,
che è Dio e vive e regna con te nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli. Amen.




 

<< Pagina Iniziale
Il Santuario La Storia Le Immagini Il Giornalino Le Attivita' Torna alla pagina iniziale del sito E-mail: info@romituzzo.it Il materiale pubblicato e' coperto da copyright. In costruzione
Sito internet realizzato da TNX sas
Torna alla Home Page